CASSANO SYBARIS, anche la Rossanese cede il passo

ROSSANESE – CASSANO SYBARIS 1-3


Rossanese: Gualtieri, Rizzo, Carrozza, De Simone, Sapia (63′ Romano), Assisi, Casacchia F., Canaliu (62′ Mauri), Bongiorno (81′ Caruso), Marano, Calabrò (46′ Diaco) – All. Luca Aloisi

Cassano Sybaris: Narvaez, Lanciano (42′ Praino), Cruscomagno, Munoz, Karambiri, Savignon Passoni, Ruggeri M. (85′ Armentano), Ruggeri F., Alonso Alvarez (73′ Caldentey), D’Amico, Ferracci – All. Diego Burgo

Marcatori: 10′ D’Amico (CS), 19′ Ferracci (CS), 59′ D’Amico, 63′ Bongiorno (R)

Arbitro: Russo Alessandro (sez. Cosenza)

Assistenti: Borrelli Antonio F.sco (sez. Cosenza) – Lavarra Elisa (sez. Cosenza)

Ammoniti: Marano (R), Assisi (R), Canaliu (R), Lanciano (CS), Munoz (CS), Savignon Passoni (CS)

Recupero: Pt 3′ – St 5′

TUTTE LE FOTO DELLA GARA

Seconda Rete (Ferracci) e Terza Rete (D’Amico)


Il Cassano Sybaris passa anche contro la Rossanese domandola a domicilio con una prova applaudita anche dai numerosi sportivi di casa.

Gara “sentita” sia per la corsa verso l’appendice dei playoff  sia per la rivalità sportiva, storicamente con un fascino particolare, evento arricchito da un pubblico delle grandi occasioni.

Partenza sprint dei bizantini, Casacchia F. da posizione defilata a sinistra, nel tentativo di crossare, colpisce la palla con un effetto strano e la stessa incoccia sulla traversa, sulla stessa si avventa Bongiorno che calcia a botta sicura ma Narvaez inizia il proprio show e blocca.  Rilancio immediato con i piedi innescando il furetto D’amico che, in velocità, si incunea tra la linea difensiva e con una palombella su Gualtieri, in disperata uscita, segna al 10′ la prima rete della giornata. Tenta la reazione la squadra di mister Aloisi ma su palla recuperata, Munoz al 19′ imbecca Ferracci che raddoppia per gli ospiti. La Rossanese è stordita, incapace di proporre una dignitosa reazione, dopo appena 20′ sotto di due reti crea danni. Il resto della frazione registra una tranquilla gestione da parte del Cassano Sybaris che sfiora anche la terza rete con i padroni di casa impallati in tentativi imprecisi che innervosisce anche i propri supporters.

Potrebbe riaprirsi il match al 1° minuto della seconda frazione quando il Direttore di Gara, sig. Russo, assegna ai bizantini la massima punizione per un presunto tocco della palla con un braccio da parte del difensore ospite Savignon Passoni. Sul dischetto si propone il bomber Bongiorno la cui conclusione viene neutralizzata da Narvaez. Episodio che annulla definitivamente le speranze di rimonta e al 59′ D’Amico, dopo essersi bevuto la difesa locale con una serpentina, dal limite dell’area con un tiro “a giro” realizza la sua seconda segnatura personale portando a tre le reti per la propria squadra. Una rete che viene applaudita anche dai supporters locali, pregevole per intenzione, preparazione e conclusione.

Al 63′ accorcia le distanze l’attaccante Bongiorno, bravo a ribattere in rete una respinta corta della difesa ospite. Potrebbe essere la spinta per cercare una improbabile rimonta ma sono gli ospiti a mancare di poco altre favorevoli occasioni che avrebbero ancor di più ridimensionato i padroni di casa.

La Rossanese ha pagato dazio a cospetto di avversari che hanno mostrato voglia, “fame”,  in alcune occasioni gli uomini di mister Aloisi riuscivano a sbagliare semplici appoggi ravvicinati. Oltre alla gamba, importante è la testa, nell’occasione i bizantini sono apparsi senza l’uno e senza l’altro, nevrotici e senza la minima determinazione. Alcuni elementi di qualità hanno reso meno di quanto nelle proprie peculiarità, nell’uno contro uno hanno sempre dovuto cedere il passo, inconsistenti nelle seconde palle. Difesa “allegra” che riesce a subire le prime due reti per posizionamento critico. La prima realizzazione di D’Amico sfrutta un assist del portiere Narvaez con la tutta la squadra alta e incapace di contrastare la corsa dell’attaccante che li semina. Sula seconda realizzazione di Ferracci la stessa linea difensiva si fa scavalcare agevolmente da un assist di Munoz trovando senza marcatura l’attaccante tenuto in gioco da Carrozza in ritardo nel risalire. Domenica i bizantini sono chiamati a fare risultato a Scandale per confermare il piazzamento. La prestazione globale ha deluso gli Ultras della Brigata Bizantina che, a fine primo tempo, hanno rimosso tutti gli striscioni iniziando la contestazione nei confronti della squadra. Episodio curioso: non capita spesso che entrambe le tifoserie, qusi gemellandosi, contestino un calciatore. E’ accaduto allo “Stefano Rizzo” nei confronti di un calciatore della Rossanese con un breve trascorso tra le file del Cassano Sybaris. Alla fine dell’incontro, all’uscita dello Stadio, tensione e contestazione per la Rossanese, applausi ai giocatori del Cassano Sybaris.

Il Cassano Sybaris eguaglia la striscia positiva di 18 risultati positivi consecutivi che deteneva la Promosport e interrotta proprio dai biancoazzurri con un secco 3 a 0. Gara gestita in tranquillità, senza soffrire, ribadendo la forza del gruppo che può schierare elementi già seguiti e appetiti in categorie superiori. Prova di palese superiorità in tutti i reparti con una rosa giovane di prospettiva. Non pochi i rimpianti per la ritardata partenza, avendo disponibili gli stessi elementi sin dalla prima giornata, oggi si parlerebbe di altro.

Volendone analizzare l’alchimia, il presidente Varca pensa ai rimborsi, il TM Pricoli coordina e gestisce, il cassiere/segretario Guidi studia e confluisce la quadratura contabile, il DS Ranieri crea dal nulla il gruppo con calciatori di spessore, mister Burgo (imbattuto) sfrutta e dispone sul campo le risorse umane disponili. E se nel futuro prossimo si partisse da queste basi aumentando “in sostanza” ?