Una Morrone dalle mille risorse accede alla finalissima playoff contro la Reggiomediterranea

Paolana-Morrone 2-3

PAOLANA (4-3-3): Corno; Giampa, Simone (24’ st Mancini), Filippo, Pizzino (11’ st Politano); Vitale, Trentinella (48’ st Semaforico), Talarico; Verso, Angotti, Criniti. A disp.: Falsetti, Gualtieri, Mauro, Palermo, Argentino, Incampo. All.: Fanello

MORRONE (4-3-3): Andreoli; Barbieri N. (39’ st De Rose), Bilotta, Pansera, Salerno (48’ st D’Acri); Raimondo (8’ st Tuoto), Cardamone, Misuri (36’ st Perrotta); Nicoletti, Trombino, Prete (1’ sts Barbieri M.). A disp.: Vencia, Aiello, Miceli, De Luca. All.: Infusino

ARBITRO: Lepera di Rossano

MARCATORI: 31’ pt Trombino (M), 41’ pt Nicoletti (M), 3’ st Vitale (P), 34’ st Vitale (P), 12’ pts Nicoletti (M)

NOTE: Spetatori circa 1500 con un centinaio di sostenitori ospiti. Ammoniti: Vitale (P), Filippo (P), Angotti (P), Bilotta (M), Criniti (P), Trentinella (P), Andreoli (M). Angoli: 9-6 per la Paolana. Recupero: 1’ pt – 4’ st – 0’ pts – 1’ sts.


Una Morrone dalle mille risorse accede alla finalissima playoff contro la Reggiomed. Lo fa andando a vincere 3-2 in casa della Paolana a margine di una prestazione incredibile che ha fatto palpitare i suoi cento sostenitori accorsi sulle tribune del Tarsitano. Ad un primo dominato in lungo e largo, chiuso sul doppio vantaggio, ha fatto seguito una ripresa in cui i padroni di casa sono riusciti a riequilibrare il punteggio in zona Cesarini con una doppietta dell’ex Vitale. È stato nei supplementari che i ragazzi di Infusino hanno magistralmente dato seguito ad una stagione fantastica guadagnandosi l’accesso all’ultimo atto. Quella dei granata è una crescita costante, sia societaria che sportiva, dove il progetto fondato sul settore giovanile trova sbocco nelle freschezze di idee di un allenatore che farà parlare di sé.

Come detto, la Morrone inizia a macinare gioco e occasioni fin sa subito. Trombino saggia la preparazione di Corno al minuto 9 e va a fargli i complimenti per l’intervento. Stesso esito a stretto giro, con il recordman dell’Eccellenza che scatta sul filo del fuorigioco ma non riesce a superare l’estremo difensore avversario. Al terzo tentativo arriva il vantaggio: imbucata di Misuri e con il “dieci” che stavolta non perdona. Il raddoppio è nell’aria e porta la firma di Nicoletti che gonfia la rete con un grande tiro a mezza altezza dopo una splendida azione di contropiede.

Prima del break Vitale si vede negare il gol da Bilotta che salva sulla linea, ma si rifarà con gli interessi nella ripresa realizzando due gol. Il primo appena rientrati dagli spogliatoi sugli sviluppi di un corner battuto da Vitale che dà ai padroni di casa nuova linfa. Gli attacchi del team di Fanello sono confusi e vivono sulla conquista delle seconde palle, ma è ancora il centrocampista a trovare un jolly dal limite spedendo la palla nell’angolo dopo essersi girato in un fazzoletto. Un gol fantastico che rimanda tutto all’extratime.

I supplementari sono vissuti con trasporto emotivo fuori dal normale e tocca alla Morrone attaccare con convinzione per vincerla di corto muso. Ci riesce grazie ad un’azione meravigliosa. D’Acri trova spazio sulla sinistra, crossa lungo sul secondo palo dove è appostato Nicoletti. È lui a prendersi la copertina e a portare i compagni in finale. Meritatamente. Anche perché la Paolana non ha più e la Morrone controlla senza affanni fino al fischio finale dell’ottimo Lepera di Rossano.