A.S.D. MARINA DI SCHIAVONEA 1960: un buon pareggio contro l’Aprigliano

MARINA DI SCHIAVONEA 0 APRIGLIANO 0


MARINA DI SCHIAVONEA: De Luca, Gagliarde, Bianco, Curatelo F.A., Schifino, Roberti, Curatelo F., Faraco (56’ Perfetto), De Giacomo G., Zangaro, Tedesco – All. Vincenzo Pacino

APRIGLIANO: Mazza, Spadafora, Esposito, De Luca (44’ Perri), Agha, Rocca, Stillitano (86’ Caligiuri), Orsino, Canonaco, Morabito, Perrone – All. Andrea Spinelli

Arbitro: Alessandro Gervasi (sez. Cosenza)

Assistenti: Giovanni De Bartolo (sez. Cosenza), Elisa Maria Lavarra (sez. Cosenza)

Ammoniti: Gagliarde (MS), Roberti (MS), Curatelo F. (MS), Faraco (MS), Tedesco (MS), Perfetto (MS), Stillitano (A)

TUTTE LE FOTO DELLA GARA


Al Santa Maria ad Nives di Schiavonea altra gara importante per entrambe le formazioni che gravitano in zone pericolose della classifica. Lo Schiavonea, rinvigorito dalla vittoria esterna ai danni del Cassano Sybaris, a quota 17 punti e l’Aprigliano, reduce dal rocambolesco incontro casalingo terminato sul punteggio di 2 a 2, in classifica a quota 14 al penultimo posto.

Importantissimi i 3 punti in palio, la conquista dell’intera posta potrebbe rilanciare per entrambe le aspirazioni per il raggiungimento della quota salvezza senza l’extra-time stagionale dei playout.

I ragazzi di mister Pacino, consapevoli del jolly a loro disposizione in questa gara, scendono in campo motivati proprio dall’ultima gara vinta, più convinti e determinati.

L’Aprigliano ha cambiato pelle approfittando della sezione del mercato invernale con l’inserimento di elementi validi come, giusto per citarne qualcuno, Perri e Orsino ex Roggiano.

Per chi si aspettava una gara povera di contenuti a livello tecnico oggi è stato smentito dai 22 in campo.

Una gara che ha divertito i presenti, mostrando due squadre in salute, diverse da quelle viste nella prima parte della stagione.

Uno Schiavonea che attende con acume tattico, pronto a far male in ripartenza, dove tutti giocano in simbiosi aiutandosi l’uno con l’altro. Pronti e puntuali i raddoppi, attenti sulle seconde palle, preferendo spazzare la palla anziché rischiare o subire danni.

Conferme per Faraco, ormai consolidato e affidabile giocatore, Curatelo Francesco vero polmone a centrocampo e all’occorrenza difensore aggiunto, Zangaro l’uomo più in forma, Schifino e Roberti che difendono bene, motorino sempre attento Curatelo Antonio Francesco. Meno presente il bomber locale De Giacomo ma oggi nulla gli si può rimproverare, letteralmente bloccato dalla coppia centrale Agha/Rocca.

L’Aprigliano ha mostrato un bel gioco, con un maggiore possesso palla rispetto ai locali, ben disposto in campo. Reparto difensivo pressoché perfetto con i centrali Agha e Rocca, a sinistra con Orsino e a destra Spadafora. Sulla mediana eccellente la prova di Morabito da vero playmaker affiancato inizialmente da De Luca sino al 44’ del pt e sostituito per infortunio da Perri ma senza cambiare gli equilibri. L’esterno Stillitano cerca con insistenza la via della rete già dai primi minuti trovando un attendo De Luca, in porta per i locali, pronto ad opporsi a due conclusioni ravvicinate. In avanti si danna l’anima Perrone ma si vede che non è una punta centrale, preferendo spesso partire dall’esterno.

Un pari, ad onor di cronaca, che forse è riduttivo per gli ospiti, sicuramente più pericolosi, con un maggior possesso palla e che puntavano alla vittoria proprio per agganciare in classifica lo Schiavonea.

Il punto muove ancora la classifica dello Schiavonea a cui va il merito di crederci sempre, di lottare, sopperendo con sudore e corsa alle altrui capacità.

Per entrambe, a 11 giornate dalla fine, con 33 punti in palio, la corsa continua, la speranza non muore per conservare la categoria.

Franco Sangiovanni

 

 

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial