PROMOZIONE CALABRESE: dubbi nella composizione dei gironi A e B, rischio per Promosport e Vigor Lamezia

Le rinunce all’iscrizione di Taverna e Real Montepaone, oltre al posto lasciato libero dalla Jonica Siderno, creano un vuoto di tre posizioni da rimpiazzare con i ripescaggi. Infatti, da 32 squadre, 16 a girone, al momento risultano iscritte solo 29. E qui scatta la speranza di poter godere di un ripescaggio per ben 8 pretendenti che sono, strettamente in ordine alfabetico:

  • Atletico Maida
  • Brutium Cosenza
  • Campora
  • Comprensorio Archi Calcio
  • Monasterace
  • Real Montalto
  • Real Sant’Agata d’Esaro
  • Sporting Catanzaro Lido

Atteso che un posto potrebbe essere a vantaggio del Real Sant’Agata d’Esaro (CS), perdente spareggio playoff  A-B contro la Nuova Rogliano, e del Monasterace (RC), perdente spareggio playoff C-D contro il San Giorgio 1912 (la forma è con il condizionale ma praticamente, per quanto previsto dalla normativa pubblicata con C.U. n. 101 del 24.1.2019 – s.s.2018/19, è cosa fatta), resterebbe un altro posto da assegnare tenendo conto che:

La domanda di ammissione al Campionato di PROMOZIONE s.s. 2019/2020 potrà essere avanzata dalle Società:
a. partecipanti ai Play-Off del Campionato di Prima Categoria;
b. retrocesse dopo la disputa dei Play-Out del Campionato di Promozione.
Le domande avanzate dalle predette società, qualora si rendano posti disponibili, saranno accolte (salvo che non rientrino in nessuno dei casi che costituisce “motivi di esclusione dal concorso”) nel rispetto delle priorità di seguito specificate:
prima squadra Capoluogo di Regione;
prima squadra Capoluogo di Provincia;
vincente lo spareggio tra le vincenti i Play-Off dei Gironi A-B e C-D del Campionato di Prima Categoria, se disputato;
vincente i Play-Off del proprio Girone del Campionato di Prima Categoria e l’ulteriore retrocessione (a seguito di spareggio tra le vincenti i play – out) dal campionato di Promozione;
5° partecipante ai Play-Off del Campionato di Prima Categoria e retrocesse dopo la disputa dei Play-Out dal Campionato di Promozione (le società retrocesse a seguito del distacco dei 10 punti dalla diretta concorrente – cfr Criteri Play-Out C.U. 99 – che vengono considerate perdenti i Play-Out).
Resta inteso che qualora due o più società dovessero trovarsi nelle medesime condizioni (cioè facenti parti dello stesso punto) ed i posti disponibili sono in numero inferiore, le stesse società partecipano tra loro al concorso nel rispetto delle modalità previste per la “formazione della graduatoria” di seguito specificate:

1. posizione in classifica ottenuta dalla Società nelle ultime tre stagioni sportive (2016/2017 – 2017/2018 – 2018/2019);
2. posizione nella graduatoria del premio disciplina nelle ultime tre stagioni (2016/2017 – 2017/2018 – 2018/2019);
3. partecipazione alle ultime tre Assemblee del Comitato Regionale Calabria tenutesi il: 02.12.2016 – 22.12.2017 – 25.09.2018;
4. partecipazione alle riunioni di categoria nella stagione sportiva 2018/2019, se effettuate;
5. dimensioni e qualità dell’attività giovanile praticata dalla Società nelle ultime due stagioni sportive (2017/2018 – 2018/2019), relativa al Campionato Juniores Regionale, indetto dalla L.N.D.; ai Campionati di Allievi e Giovanissimi Regionali; ai Campionati Allievi e Giovanissimi Provinciali e Locali nonché Allievi e Giovanissimi di Calcio a 5 indetti dal Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica;
6. partecipazione ad attività del Settore Giovanile e Scolastico (Pulcini ed Esordienti e/o Pulcini ed Esordienti di Calcio a Cinque) nelle ultime due stagioni sportive (2017/2018 – 2018/2019);
7. partecipazione alla Coppa Italia nelle ultime due stagioni sportive (2017/2018 – 2018/2019);
8. partecipazione alla Coppa Calabria nelle ultime due stagioni sportive (2017/2018 – 2018/2019);
9. anzianità Federale superiore a 10 anni di ininterrotta affiliazione alla F.I.G.C.;
10. disponibilità impianto sportivo in erba naturale e/o sintetica (l’impianto sportivo deve essere ubicato nel comune in cui la società ha la propria sede sociale e dovrà svolgere tutta l’attività ufficiale cfr art. 19 delle N.O.I.F);
11. partecipazione con una propria squadra al Campionato Regionale di Calcio a Cinque (Serie C1 o C2) nella stagione sportiva 2018/2019;
12. partecipazione con una propria squadra al Campionato Provinciale di Calcio a Cinque (Serie D) nella stagione sportiva 2018/2019;
13. partecipazione con una propria squadra al Campionato Regionale di Calcio a Cinque Femminile nella stagione sportiva 2018/2019;
14. partecipazione con una propria squadra al Campionato Regionale di Calcio Femminile (Serie C) nella stagione sportiva 2018/2019.
15. partecipazione di un proprio tesserato al “Corso per Dirigenti di I° Livello” organizzato nella stagione sportiva 2013/2014 dal C.R. Calabria della L.N.D o nella s.s.2017/2018 dalle Delegazioni Provinciali/Distrettuali.
16. partecipazione di un proprio tesserato al “Corso per Dirigenti di II° Livello” organizzato nella stagione sportiva 2013/2014 dal Comitato Regionale Calabria della L.N.D.
17. partecipazione di un proprio tesserato al “Corso per Collaboratore della Gestione Sportiva (A.DI.SE.) ” organizzato nelle stagioni sportive 2014/2015 e 2016/2017 dal Comitato Regionale Calabria della L.N.D.
Nella valutazione delle domande il Comitato potrà tenere presente le eventuali esigenze relative alla composizione dei gironi, con facoltà di attribuire una maggiorazione al punteggio totale della Società fino ad un massimo di 20 (venti)
punti.

Sperano, dunque, Real Montalto e Sporting Catanzaro Lido perdenti finali di playoff di girone A e B che, però, potrebbe innescare dei cambi di girone. Vediamo, per assurdo, due casi che potrebbero presentarsi:

  • Prima ipotesi di ripescaggio Real Sant’Agata d’Esaro, Monasterace e Real Montalto: geograficamente, per il principio della massima equidistanza, rischiano seriamente di migrare nel girone B  PROMOSPORT o VIGOR LAMEZIA;
  • Seconda ipotesi di ripescaggio Real Sant’Agata, Monasterace e Sporting Catanzaro Lido: geograficamente, seppur di poco, definirebbe senza nessuna migrazione i gironi di Promozione.

Semplici considerazioni, senza nessun fondamento se non quello dell’osservazione di una cartina geografica che non sempre è tenuta in considerazione (vedasi la squadra di Santa Maria del Cedro, seconda categoria lo scorso anno, unica del Tirreno a giocare quasi tutte sullo Jonio), in attesa dei ripescaggi non è vietato ipotizzare e, chissà, magari anticipando quello che sarà.

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial