La S. Cariatese batte la N. Fabrizio e vola in C1. Ai Bianconeri non bastano Grinta e Volontà

Cristian Fiorentino

Sconfitta a testa alta per la Nuova Fabrizio superata, sul campo del “Centro Sociale” di Cariati, dall’arrembante Sportiva Cariatese. Con una serie positiva di sedici risultati utili consecutivi, la squadra biancoazzurra festeggia lo storico e meritato salto di categoria in C-1 con un turno d’anticipo. Il sigillo arriva nella penultima e diciassettesima giornata generale (ottava di ritorno), del gir. A di serie C2 futsal, ai danni di una inarrendevole N. Fabrizio. Coriglianesi, infatti, apparsi tonici e agguerriti ma che alla fine nulla hanno potuto contro i più proficui cariatesi. Valore del team bianconero abilmente calcolato dalla compagine biancoazzurra che ha ben contenuto gli assalti nell’arco della contesa. Nella prima frazione, infatti, N. Fabrizio più incisiva ma rettamente neutralizzata dalla retroguardia della S. Cariatese. Secondo atto più benevolo per i locali che concretizzano più trame cristallizzando risultato, gara e meta stagionale. Nonostante le aspettative e la tensione agonistica della vigilia, gara disputata all’insegna del fair-play. Per la cronaca, i locali passano in vantaggio nei primi minuti con una conclusione di Amodeo. Ospiti, però, che prendono e detengono il pallino del gioco ma le occasioni edificate vengono sventate dall’estremo di casa Visciglia. Cariatese che, prima dell’intervallo, reagisce beccando prima un palo e poi costringendo il portiere rivale Campana ad una prodigiosa deviazione. Nella ripresa, i cariatesi colpiscono un nuovo palo e poco dopo usufruiscono di un rigore per fallo su A. Martino di Campana, con quest’ultimo espulso. Lo stesso A. Martino trasforma raddoppiando per i biancoazzurri. I bianconeri reagiscono e pressando trovano la soluzione vincente: a margine di una trama corale e grazie ad una bordata da fuori Cosentino accorcia le distanze e riapre la sfida. La N. Fabrizio preme ma la S. Cariatese argina gli attacchi. Nei minuti finali i coriglianesi giocano la carta del quinto uomo lasciando la porta indifesa e concedendo a Visciglia di segnare la terza rete direttamente dalla propria retroguardia. Con gli ospiti rovesciati in attacco arriva anche la quarta e definitiva marcatura dei locali firmata ancora da A. Martino. Incontro che si conclude 4 a 1 a favore dei cariatesi tra festeggiamenti in campo e per le vie di Cariati per l’agognato traguardo ottenuto. N. Fabrizio che, però, in virtù di questo insuccesso e degli altri risultati di giornata, scivola al quarto posto e, a meno di benevoli combinazioni nell’ultima giornata, dovrà disputare i play-off fuori casa. La classifica, in effetti, vede Sportiva Cariatese a 44 punti e matematicamente in C1, Sinco Bisignano a 40, Kroton a 34, N. Fabrizio a 33 e a 27 il Rovito. La S. Bisignano, secondo regolamento, avendo un distacco sul Rovito di oltre dieci segmenti accede invece direttamente alla finale play-off e attende la sfidante. Finalissima che si disputerà, infatti, sul suolo bisignanese. Si disputerà, quindi, una sola semifinale per gli spareggi promozione ossia tra Kroton e N. Fabrizio: da capire solo su quale suolo di gioco. In caso di arrivo a pari punti in terza posizione, essendo in parità gli scontri diretti (uno per parte) i coriglianesi avrebbero la meglio sui crotonesi in virtù della differenza tra le reti segnate e subite nei medesimi incontri diretti, della differenza tra reti segnate e subite nell’intero campionato nonché del maggior numero di reti segnate nell’intero campionato. Sabato prossimo, 25 marzo, ultima giornata con la formazione bianconera che riceverà il Morelli e con il Kroton di scena sul campo del Guardia. Sia i bruzi che i tirrenici vorranno ambire ad un risultato consistente per qualificarsi ai play-out considerato il pressing del Luzzi, a meno un punto da entrambe, e ancora in corsa per rientrare nella lotteria degli spareggi salvezza ma che nell’ultimo turno dovrà vedersela contro la temibile ma già qualificata S. Bisignano.