A.S.D. CATAFORIO: paura alla capolista ma non basta

SERIE B, GIRONE H, 7^GIORNATA

 

ASD CATAFORIO C5 REGGIO CALABRIA – ASSOPORTO MELILLI 4-5

 

Marcatori: 1’25”pt Rizzo (M), 10’08”pt Monaco (M), 15’22”pt e 17’15”pt Martino (C), 1’20”st Giriolo (C), 4’32”st Rizzo (M), 12’38”st e 15’17”st Lucas Bocci (M), 15’47”st Atkinson (C).

CATAFORIO: Mancuso, Sarica, Labate, Scopelliti, Cilione, Giriolo, Laganà, Durante, Atkinson, Campolo, Parisi, F. Martino. All. Praticó.

MELILLI: Fiore, Cutrali, Monaco, Chalo, Trotolo, Rizzo, Garofalo, Petriglieri, Lucas Bocci, Ternullo, Boschiggia, Gianino. All. Bosco.

 

Arbitri: Di Mundo di Molfetta e Lo Sacco di Bari Crono: Saccà di Reggio Calabria.

Note: Ammonito: Lucas Bocci (M) per simulazione.


Resta l’amaro in bocca per un Cataforio che fa sudare le proverbiali sette camice alla capolista. La sfida di cartello del “PalaMazzetto” non tradisce le aspettative della vigilia, anzi, emoziona fino all’ultimo secondo e dove a spuntarla è la formazione neroverde. Il tutto è condito da un arbitraggio ineccepibile, tanto sul piano tecnico quanto sul piano della gestione di una gara “maschia” ma comunque correttissima. Si rivede, seppure solo a referto, capitan Cilione, Atkinson è invece ancora a mezzo servizio e viene centellinato nell’utilizzo.

Andando ai momenti cruciali del match, alla prima occasione ospiti in vantaggio con il tocco a sorpresa di Rizzo. Parisi è poi chiamato in causa su Gianino per due volte (nella seconda tocca quel tanto che basta per spedire il pallone sul palo) ed ancora su Monaco. In mezzo c’è anche il tentativo di Durante. Sono i locali però a fare la partita, con un maggiore possesso di palla ed in una di queste incursioni, Chalo sfiora un goffo autogol. Ancora Parisi, al 6′, sbarra la strada a Rizzo, in un duello che si rinnoverà a più riprese durante il corso della partita. A metà primo tempo il Cataforio meriterebbe anche il pari e trova l’azione con Giriolo che chiama in uscita Boschiggia (migliore in campo insieme a Chalo). Sull’angolo seguente, Atkinson inciampa e Monaco riesce in un coast to coast a battere Parisi. Melilli cinico ed avanti di due reti ma il Cataforio non si disunisce e sfiora il gol ancora con Durante. È il preludio alla segnatura che giunge grazie ad un perfetto giro palla, culminato con l’assist in mezzo di Scopelliti per Martino che da due passi insacca. Riaperta la partita, i locali vogliono sfruttare l’inerzia del match ora tutta dalla loro parte ed è quello che accade visto che, un paio di minuti dopo, Atkinson lavora un gran pallone sul fondo e lo serve su un vassoio d’argento a Martino, puntualissimo all’appuntamento con il pari. Sulle ali dell’entusiasmo, i bianconeri sfiorano il tris con Atkinson, il cui destro a incrociare sfiora il palo a 20” dalla fine.

 

La ripresa inizia esattamente come si era concluso il primo tempo, con il Cataforio in propensione offensiva e con Giriolo che pesca un jolly, geniale, dalla distanza, sorprendendo Boschiggia. Vantaggio per i reggini che salvano sulla linea la punizione di Rizzo, grazie all’intervento di testa di Scopelliti. Sul capovolgimento di fronte, Giriolo coglie la traversa sfiorando il poker. Si arriva così al 5′ e Parisi sfodera una grandissima parata su Gianino ma sullo schema da rimessa laterale, Rizzo è lesto per il punto del 3-3. Tutto da rifare per i padroni di casa che rischiano quando Parisi deve volare nuovamente su Gianino e sulla ribattuta c’è il palo colpito invece da Petriglieri. Superata la metà della ripresa, e con il Cataforio che prosegue a macinare gioco, c’è l’occasione che capita sui piedi di Scopelliti, con il salvataggio provvidenziale del portiere avversario così come, sull’ennesimo capovolgimento di una sfida dagli alti ritmi, Parisi che respinge nuovamente su Gianino. Le azioni si susseguono a raffica: Giriolo in spaccata manda alto di un soffio; Bocci invece trova il tap-in vincente dopo l’ennesimo intervento di Parisi su Rizzo. Tanta paura poi per Aldo Durante che resta a terra dopo uno scontro: il numero 10 viene messo “in mezzo” tra Bocci e Rizzo e una brutta gomitata lo colpisce proprio alla nuca, facendogli perdere i sensi e costringendolo a chiudere anzitempo la sfida. Da sottolineare anche l’aiuto offerto dal tecnico ospite, Bosco, che, compresa la gravità della situazione, si è immediatamente catapultato in campo, insieme allo staffo bianconero, per soccorrere l’avversario. Dopo una prolungata pausa, Melilli si riporta sul +2 dopo un’azione manovrata e conclusa da Lucas Bocci. Mancano 4:33 alla fine e mister Praticò gioca subito la carta del portiere di movimento (Giriolo) e grazie al recupero di Scopelliti e Martino, Atkinson può accorciare colpendo indisturbato dal cuore dell’are di rigore. Il forcing finale del Cataforio si infrange sulla barriera eretta da Melilli, con Chalo in particolare, sempre a ostacolare la manovra locale. Di magra consolazione per i reggini, avere segnato 4 gol ad una difesa che ne aveva subiti appena 6 nelle prime 6 giornate ed aver mantenuto il migliore attacco, seppur da stasera raggiunto a quota 41 proprio dai siracusani. Le due formazioni si riaffronteranno, a campi invertiti, sabato prossimo, nella gara di Coppa Italia.

Prima sconfitta in campionato dunque per il Cataforio che interrompe la striscia utile di 14 punti in 6 giornate, la migliore di tutta la sua storia in Serie B. A fine partita l’allenatore in seconda, Giovanni Quattrone ha così commentato: “Dispiace avere avuto poca rotazione in una gara come questa ma, nonostante ciò, siamo riusciti a giocarcela e siamo stati bravissimi a ribaltare l’iniziale 0-2. Abbiamo affrontato una signora squadra, l’unica imbattuta del girone e con la migliore difesa. Nonostante la sconfitta e le difficoltà incontrate oggi, confermiamo di essere una grande squadra. Potrebbe sembrare un commento di parte, ma il pareggio sarebbe potuto essere il risultato più giusto. Al contempo, abbiamo commesso degli errori, alcuni evitabili, se andiamo a rivedere come sono stati subiti. Rimbocchiamoci le maniche e ci prepariamo alla gara di Coppa Italia. Sarà ancor più dura sul loro parquet e proveremo a giocarcela al meglio delle nostre potenzialità”.

Fabrizio Cantarella – Add. Stampa Asd Cataforio –

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial