A.S.D. OLYMPIC ROSSANESE 1909: ultimo atto di una storia infinita?

Non trova pace la società del presidente Acri, forse alla sua più difficile gestione societaria nell’esperienza di dirigente sportivo.

Dal suo annuncio di fine campionato dichiarando “la fine di un ciclo” ad oggi, tanta acqua sotto i ponti. La conferma di mister Mario Pascuzzo sembrava spianare la strada verso un nuovo cammino, con il direttore sportivo Alessandro Ranieri pronto a formare una rosa capace di tenere alto il blasone dell’elefantino. 

Arrivano calciatori, in prova, chi si ferma e chi riparte subito, probabilmente ritenuto dal mister o dalla società non idoneo alla causa. Dai giorni si passa alle settimane, nessun segnale positivo. Anzi, lo stesso ds Ranieri, in un comunicato personale ed ufficiale annuncia le proprie dimissioni dall’incarico puntando il dito contro la società rea di non aver tesserato nessun calciatore da lui stesso portato. 

Repentina la replica del presidente Acri secondo il quale, visionandone 30/40, a parte 2 o 3, gli altri erano stati scartati dallo staff tecnico. 

In sostanza, per quanto si legge, la mission del ds non ha prodotto risultati. 

Notizia calda diramata sulla pagina ufficiale Facebook della società palesa addirittura un non partecipazione al campionato che, ricordiamo, inizierà domenica 8 settembre, -3 giorni dal debutto. E’ questo l’ultimo atto? Riuscirà il presidente Acri a ricompattare ambiente e quant’altro per presentarsi regolarmente? Sono queste le domande che sui marciapiedi di Rossano, ai Bar dello Sport, si pongono gli sportivi.


Riportiamo il Comunicato Stampa pubblicato sulla Pagina Ufficiale Facebook della società:

Comunicato Stampa Olympic Rossanese 1909
 Dopo la Deliberazione di Giunta N. 189 del 29 ago. 2019 (Gestione impianti sportivi comunali) l’Olympic toglie il disturbo
La società, visto il contenuto della delibera n.189 si vede costretta ad adire le vie legali ed ad interrompere le attività sportive. Non è bastato aver vinto un regolare bando, si è voluto in tutti i modi ostacolare le nostre attività. Domani saremo a Catanzaro, presso la lega di competenza, per comunicare la decisione di non partecipare al campionato di Eccellenza. Si ringrazia il sindaco Stasi per aver usato due pesi e due misure. Un bando revocato, quello dello stadio, un bando approvato, quello del palasport. Due pesi e due misure che dovrà spiegare, il sindaco di tutti, alla città ed a chi di competenza. Ad oggi tutte le strutture sportive sono state date in uso a costo zero.

Si fa presente che la società Olympic, vincitrice del regolare bando, assegnato con determina N. 42 del 5 Feb. 2019, ha adempiuto a diversi obblighi tali per perfezionare l’assegnazione. Andiamo adesso a fare chiarezza riguardo la campagna denigratoria nei confronti dei componenti di questa società. Da diversi mesi, alcuni ex tesserati della squadra, hanno messo in atto, insieme ad un ex tesserato dirigente abile a promettere ed a non mantenere, una vera e propria campagna di odio personale. Questi signori dovranno rendere conto del loro “operato” sia alla procura federale che alla giustizia ordinaria. Vi sono palesemente, nelle loro condotte, infatti, a nostro avviso, azioni perseguibili. Lunedi presenteremo, presso gli organi competenti, materiale riguardante sia le attività sportive sia la rendicontazione dei rimborsi ai calciatori. Altro che giocatori non pagati, sarà divertente fare chiarezza su cifre e stipendi.
Tanto si doveva.

 

 

 

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial