A.C.D. MORRONE: il pareggio contro la Paolana lascia l’amaro in bocca

MORRONE 0 – PAOLANA 0


MORRONE (3-5-2): Bance; De Luca, Bruno, D’Acri; Mazzei, Casella (1′ st Misuri), Nagore (37′ st Trombino), Leta, Nicoletti (37′ st Granata); Gueye, Azzinnaro (14′ st Ferraro). A disp.: Risoli, Novello M., Barbieri, Colosimo, Cissè. All.: Stranges

PAOLANA (4-2-3-1): Loccisano; Gaccione, Cornero, Bilotta, Belmonte; Gaudio, Grosso; Pellegrino, De Chiara, Crispino (15′ st Pepe); Perciamontani. A disp.: Migliori, Miceli, Ramunno, Novello E. All.: Perrotta

ARBITRO: Aureliano di Rossano

NOTE: Spettatori circa 100 con rappresentanza ospite. Espulsi al 32′ st Pellegrino per doppia ammonizione. Ammoniti: De Luca (M), Grosso (P), Bilotta (P), Cornero (P), D’Acri (M), Bruno (P), Gaccione (M). Angoli: 22. Recupero: 0′ pt – 5’+1′ st


Regge il fortino della Paolana agli assalti della Morrone. I granata sbattono sul muro eretto dai tirrenici a protezione del proprio portiere e non riescono a sfondare neppure negli ultimi 15’ in superiorità numerica. Lo 00 lascia l’amaro in bocca ai padroni di casa che hanno colto un legno e si sono letteralmente mangiati il gol-vittoria nel recupero.

STRANGES E IL 3-5-2. Stranges, senza Bacilieri infortunato e con Pansera e Ferraro reduci dall’influenza, vara un 3-5-2 lanciando il tandem Gueye-Azzinnaro in avanti. Torna Leta dal 1’, mentre la scelta per le corsie laterali ricade su Mazzei e Nicoletti. Perrotta risponde con il 4-2-3-1 sistemando Pellegrino, De Chiara e Crispino alle spalle di Perciamontani.

GUEYE VICINO AL GOL. La prima frazione è molto muscolare, con gli ospiti che impediscono ai padroni di casa di fraseggiare come impone il credo del loro allenatore. Il primo squillo è degli ospiti. Perciamontani vince un duello con De Luca e conclude ad incrociare di destro. Il difensore granata devia quanto basta per evitare il peggio e concedere solo il corner. Dalla parte opposta Gueye ha due occasioni figlie delle sue qualità di sprinter. Nel primo caso lascia sul posto Cornero e prova il pallonetto: traversa. Nel secondo caso, sempre imbeccato in profondità stavolta da Bruno, aggira Loccisano ma calcia debolmente. Provvidenziale il recupero di Bilotta sulla linea di porta.

A SENSO UNICO. Stranges regala idee al centrocampo della Morrone. Rientrati dagli spogliatoi non c’è Casella, ma Misuri. La Paolana è messa alle strette, ma regge strenuamente chiudendo ogni varco. Pur non riuscendo a ripartire in contropiede, fa densità al limite della propria area e cattura ogni palla alta. Crispino lascia i suoi in inferiorità numerica, Trombino e Ferraro dall’altra parte aumentano il numero di attaccanti in campo. L’occasione tanto attesa capita al 50’ sul piede del bomber granata. Mazzei trova spazio a destra e gli serve un assist d’oro all’altezza del dischetto. Il destro finisce alle stelle e con esso la partita. Sabato, nella finale di Coppa Italia con il San Luca, non ci sarà prova d’appello.

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial